• 202101 GP B
  • 20201221 LaForzadellaVita
  • 202012 Cashback B
  • 20200810 InBank
  • 151272New
  • 151273New
  • 20200924 Directa
  • 20200918 CCB e BBCL B
  • 20200915 SuperBonus 110per100
  • 20200701 Limite Contanti B
  • 20200703 InBank Bonifico
  • 20200604 PrestiPay B
  • 20200601 CreditoAdesso
  • 20200430 Garanzia Italia
  • 20200420 25k
  • 20200624 30k
  • Agevolazioni a sostegno impatto Covid19
  • 20200504 SospRataMutuoCasa
  • 20200414 MEF
  • 20200514 Agevolazione ISMEA
  • 20200330 Donazione Medici di base
  • 20200320 raccolta fondi
  • 20200210 Filiale di San Giuliano Mse
  • ECommerce
  • 201907 Territorio BCCL
  • 20180806 Banner Nexi
  • 201906 Telepass
  • 201810 Nexi GooglePay
  • 201810 Fondo Pensione
  • 201807 Laus Generation
  • 20200810 AsSiHome
  • 20200810 AsSiCresce
  • NEF
  • NEF PAC
  • BCCL ed EON
  • PP Casa
  • 201502 Agevolazione Mutuo Prima Casa
Catalogo prodotti
Prodotti e Servizi - Giovani Prodotti e Servizi - Privati Prodotti e Servizi - Impresa Soci 201911 Noi e la Stampa
2019 BE 2019 BC 202012 Laus24 B

202009 CET1

2017 Risultati e Comunicati Stampa
201512 Bail In 

 
LAUS Organ

201803 Piazza Laudense VS1

 
News
09/11/2020

Con l'avvio del secondo lockdown riparte un'iniziativa del Comune di Lodi, in collaborazione con le associazioni di categoria, finalizzata a ridurre al minimo gli spostamenti per tutelare le categorie più deboli. In sostanza si tratta della consegna a domicilio di prodotti alimentari e non solo, nel rispetto delle norme igienico sanitarie previste in tema di confezionamento e trasporto. Tra gli esercizi commerciali aderenti (l'elenco è visibile sul sito del Comune) sono presenti attività di ristorazione, negozi di alimentari e gastronomia, panifici, fruttivendoli ma anche edicole, cartolerie, librerie,etc.. Non mancano nell'elenco anche le farmacie, in quanto prosegue la consegna mai sospesa dei farmaci a domicilio, con l'ulteriore avvertenza di evitare, per quanto possibile, di recarsi presso la farmacia comunale interna all'Ospedale. La gamma dei servizi è completata dall'assistenza telefonica agli anziani, dallo sportello telematico polifunzionale e della convenzione stipulata con i tabaccai ai quali è possibile rivolgersi per ottenere certificati anagrafici senza rearsi all'anagrafe comunale.

05/11/2020

Da più di un mese nel Caucaso meridionale, è riesploso il decennale conflitto del Nagorno Karabakh. Una guerra che affonda le sue origini nel passato quando Stalin, nel 1921, decise di assegnare la terra caucasica, a maggioranza armena, all'Azerbaijan per rafforzare il paese asiatico nell'ottica di trasformarlo in un ipotetico avamposto da cui poter esportare la rivoluzione socialista in Turchia. Negli anni, la convivenza tra la comunità armena e quella azera nella regione si è fatta sempre più difficile e si sono registrate violenze da entrambe le parti che hanno portato alla guerra degli anni '90 che ha provocato oltre 30mila morti e conclusasi con la vittoria dell'esercito armeno che ha occupato l'intero territorio del Nagorno Karabakh proclamando la nascita della Repubblica dell'Artsakh. Lo stato non è stato però riconosciuto da nessun Paese al mondo, nemmeno dll'Armenia, e formalmente appartiene all'Azerbaijan. E' proprio questo empasse giuridico la ragione per cui ancor oggi si sono riaccese le ostilità

La capitale del Nagorno Karabakh, Stepanakert da più di 30 giorni è soggetta a continui bombardamenti da parte dell'artiglieria e dell'aviazione azera. In tutta la città si vedono i segni delle devastazioni provocate dalle esplosioni: case distrutte, voragini nelle strade e la gente rimasta in città è costretta a vivere nelle cantine per la paura di essere travolta dalle esplosioni. Il suono delle sirene che preannunciano una nuova incursione aerea è continuo, sia di giorno che di notte, e dopo ogni bombardamento si registrano morti e feriti. ''In seguito agli attacchi aerei noi riceviamo oltre cento feriti qui in ospedale- spiega il traumatologo Karen Davisyan- Le peggiori lesioni sono agli arti e alla testa a causa dell'utilizzo delle cluster bombs ma facciamo il possibile per salvare vite umane''. Nel nosocomio il personale medico lavora senza tregua e nei sotterranei sono state allestite sale operatorie perchè i bombardamenti non risparmiano neppure le strutture sanitarie e un' intera ala dell'ospedale è crollata causa della deflagrazione di un razzo. Gli attacchi sui civili sono incessanti, e anche l'esercito armeno ha colpito alcune città azere provocando la morte di oltre 60 cittadini dell'Azerbaijan.

I cessate il fuoco e le tregue umanitarie vengono continuamente violate, la guerra non sembra arrestarsi e sia sul fronte che nelle città, il bilancio delle vittime è in continuo aumento. Per rendersi conto della tragedia che sta travolgendo il Caucaso meridionale occorre recarsi al cimitero monumentale di Stepanakert, centinaia di fosse sono appena state scavate e un padre depone un fiore sulla tomba del figlio di soli 30 anni. Tutt'intorno il silenzio, il silenzio di una terra dove la guerra è endemica, la meglio gioventù è condannata al sacrificio nelle trincee e per migliaia di madri e padri non resta altro che una gelida foto e un infinito dolore.

24/12/2020 12:54:00
Rassegna stampa
22/12/2020 11:21:00
Rassegna stampa
22/12/2020 11:21:00
Rassegna stampa
22/12/2020 11:21:00
Rassegna stampa
22/12/2020 11:21:00
Rassegna stampa
 
tabella bannerini laurea-stagisti-facebook
2020 Borsa di Studio I
2021 Credito deteriorato

2019 Gruppo IVA 

Ricerca Risorse Commerciali

2012 Stage 2

 
Banner homepage dx

Provaci N_B

Instagram

facebook