06/06/2008 Notizie dalla Banca
Lettera aperta ai Soci

Il Presidente ha inviato ai Soci la seguente comunicazione (entra nel link dei soci e scarica il formato originale):

Vogliamo riprendere in questa occasione una buona abitudine per dare periodiche relazioni ai nostri Soci sull’andamento della nostra Banca, ‘patrimonio comune’ capace di generare Valore per tanti portatori di interesse che sfidano l’egoismo personale per quel concetto superiore di solidarietà cooperativa e di democrazia economica che i nostri Fondatori di inizio ‘900 ci hanno lasciato nel nostro Statuto.
Partiamo da qui, dal Regolamento Assembleare approvato lo scorso anno e dalla Carta dei Valori del Credito Cooperativo per condividere con tutti Voi il lavoro svolto, per impostare le nuove azioni e per ritrovare il gusto di fare ‘Buona Banca’.
Il Bilancio 2007 da Voi approvato nella scorsa assemblea e per la prima volta oggetto di certificazione da Società di Revisione esterna, ha creato nuove basi e nuova fiducia per un futuro duraturo: i 100 anni che presto celebreremo apriranno un nuovo capitolo della buona relazione riconquistata con il Territorio Lodigiano, con la sua economia, con il substrato sociale che tanto permea i nostri impegni statutari. Il Bilancio Sociale presentato in assemblea evidenzia questo stretto legame.
Siamo tuttavia consci delle difficoltà che ancora dobbiamo affrontare in un mercato che è diventato non solo competitivo, ma spesso di difficile comprensione nelle sue dinamiche evolutive legate ad una globalizzazione incontrollata. La Vostra Banca per il passato ha evitato, nella sua proverbiale prudenza, i macro fenomeni ‘Argentina, Parmalat, Cirio’; non ha diffuso in epoca più recente tra i propri risparmiatori prodotti ‘derivati’, non ha alimentato fenomeni incontrollati di cartolarizzazioni o intermediato prodotti legati ai cosiddetti ‘mutui subprime’. La Vostra Banca oggi si pone ancora una volta attenta ai nuovi scenari che, forse, stanno generando ancora una volta le basi per quel ‘credito facile’, per quella ‘finanza fine a sé stessa’, per progetti di ‘crescita fatua’ capaci solo di spostare ancora una volta la ricchezza lontana dall’economia reale, dalle nostre fabbriche, dai nostri territori, dalla nostra gente, dal lavoro per i nostri figli. E anche sul fronte delle rinegoziazioni, rottamazioni o quant’altro dei mutui noi rispondiamo con la sensibilità che sempre contraddistingue la vicinanza di una BCC con la ‘sua gente’: di fronte ad un progetto imprenditoriale serio, di fronte ad una famiglia che insieme progetta l’acquisto della casa quale ‘sogno’ da onorare con responsabilità nel lavoro e nella gestione del tenore d vita, noi rispondiamo con altrettanta serietà, capacità e professionalità nel trovare le giuste soluzioni economico-finanziarie.
E’ così che gestiamo la continuità e la intergenerazionalità dei prodotti e dei servizi che offriamo.
Stiamo lavorando per ricostruire quella intermediazione del Credito, dei Risparmi e dei Servizi Bancari Nel Territorio che deve ridare orgoglio alla nostra lodigianità, unitamente alle Associazioni Imprenditoriali di categoria, alle Autorità, alle Istituzioni, al No Profit. La crescita del volume di questo ‘lavoro’ è significativo anche per il nuovo anno:
dati in milioni di euro – riferiti al 23.05.2008
Raccolta diretta 170,993 mln Numero conti correnti 6.024
Raccolta indiretta 91,827 mln Soci numero 2.202
Impieghi lordi a Clientela Ordin. 139,108 mln Capitale Sociale 3,534 mln

In particolare annotiamo l’avvenuta emissione di un Prestito Subordinato sottoscritto da 6 consorelle del Credito Cooperativo ( BCC del Garda, di Carugate, di Treviglio, di Cantù, di Sesto s.G. e di Binasco) per dare corpo e solidità al nostro Patrimonio: essa è inserita in un ampio programma di Rilancio iniziato a valle della visita ispettiva dell’Organo di Vigilanza del 2006 che via via sta incontrando positivi riscontri. Cio’ consoliderà programmi di espansione anche territoriale unitamente alla riconduzione progressiva dei vincoli patrimoniali verso normali standard rivisti con la normativa di Basilea2.
E anche questa è ‘meritata fiducia’.
E’ proseguita l’attività di adeguamento delle strutture funzionali sia al nostro ‘servizio alla Comunità’ che alla ricostruzione di condizioni assolutamente adeguate agli standard di sicurezza e di vivibilità dei nostri collaboratori. Dopo S. Angelo, S. Zenone e Salerano, stiamo lavorando per la filiale di Lodi, di Graffignana e, entro fine anno, di Lodi Vecchio.
Da ultimo comunico a tutti Voi Soci che nel prossimo mese di luglio, nel segno della continuità, ci sarà un preordinato avvicendamento nella direzione dell’azienda approvato dal Consiglio di Amministrazione: Giancarlo Villa, per motivi strettamente personali, passerà il testimone all’attuale Vice Direttore Periti dott. Fabrizio. Ad entrambi riconosciamo il merito del Rilancio della nostra Azienda non solo in termini professionali ma anche in termini di capacità relazionali con i collaboratori, con gli Organi Sociali, con le istituzioni e con tutta la Clientela. Al dott. Periti il compito di continuare su questa strada foriera dei nuovi successi di Laudense, certi che il dott. Villa non mancherà di dispensarci ancora di quei consigli che sicuramente hanno inciso nel nostro modo di essere.
Voglia così gradire anche a nome del Consiglio di Amministrazione i più cordiali saluti.

B.C.C. LAUDENSE LODI S.c.
Il Presidente
Gaetano Cerri

Energia pulita
2012 Stage 2
CartaBCC Tasca