09/06/2015 Notizie dal territorio
Porta a porta a Lodi

Inizia il 16 giugno la seconda e ultima fase della raccolta differenziata dei rifiuti cittadini con il cosiddetto: “porta a porta”.
La “rivoluzione” che già interessa il centro storico e i quartieri di Olmo, Fontana e Riolo si estenderà progressivamente a tutta la città partendo dalle zone Laghi e Oltreadda per terminare con San Bernardo.
 Per favorire il successo dell'iniziativa, sabato 6 e domenica 7 giugno sono stati allestiti degli infopoints nelle zone interessate (via Lago di Garda, P.le Crema, Campo di Marte) ed è stato aumentato il numero dei tutors ambientali di Astem da 2 a 4 unità.
Considerato che a Lodi sono presenti circa 20.000 utenze domestiche e 2.000 di altra origine e una produzione di rifiuti solidi urbani di 23.000 tonnellate (516 kg per abitante), con l'applicazione integrale del “porta a porta” ci si propone di raggiungere una quota differenziata pari almeno al 65%(attualmente è del 70% nelle aree cittadine già interessate)riducendo il quantitativo dei rifiuti da conferire in discarica, con un evidente vantaggio per le casse comunali.
Tra gli altri obiettivi inoltre, l'eliminazione degli scarichi abusivi dei rifiuti (nei primi 5 mesi di quest'anno sono già state elevate 250 contravvenzioni) e la rimozione di circa 2.000 cassonetti. Operazione, quest'ultima, che renderà disponibili spazi pubblici che potranno essere utilizzati per altre finalità (posti auto, ciclabili,etc.).
Per finire il progetto prevede anche la creazione di isole ecologiche recintate e videosorvegliate a cui accedere tramite Carta regionale dei servizi e la cui realizzazione è prevista a partire dal mese di luglio.

Energia pulita
2012 Stage 2
CartaBCC Tasca