05/06/2014 Notizie dal territorio
LODI e la IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

La Legge di Stabilità 2014 ha introdotto un nuovo tributo: la IUC( Imposta Unica Comunale). Si tratta in sostanza di una Service Tax composta da più parti: l’IMU che colpisce il possesso di immobili con esclusione della prima casa, la TARI che ha per oggetto la produzione di rifiuti e la TASI che copre i servizi comunali indivisibili, come ad esempio l' illuminazione e la manutenzione strade.
Dopo l’approvazione a fine aprile del regolamento e delle tariffe della TARI, il 20 maggio il Consiglio Comunale lodigiano ha approvato anche i provvedimenti aventi per oggetto l’IMU e la TASI.
Schematicamente, i risultati delle delibere dell’organo di governo cittadino si possono così riassumere:
-TARI (tassa sui rifiuti) è dovuta  da chiunque possieda a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre rifiuti urbani. Il tributo per quanto compete le utenze domestiche si compone di una quota variabile legata al numero degli occupanti e di una  fissa che mette in relazione componenti del nucleo familiare e superficie immobiliare. E’ possibile prendere visione delle quote di pertinenza sul sito del Comune. Sono previste agevolazioni fino al 10% per incentivare la minor produzione di rifiuti (ad esempio in presenza di fatture acquisto di attrezzature per attività di compostaggio). Sono inoltre previste agevolazioni per i nuclei familiari meno abbienti, fino al 100% in presenza di 4 figli con reddito ISEE non superiore a 30.000 euro annui. Il pagamento può avvenire in 3 rate (31 maggio,30 settembre,30 novembre) o in unica soluzione entro il 16 giugno.
-IMU(imposta municipale unica), non colpisce l’abitazione principale e le relative pertinenze con esclusione di quelle cosidette di “lusso”(cat. A/1-A/8-A/9).In caso di concessione in uso gratuito di un immobile quale abitazione principale, a parenti di primo grado, l’agevolazione viene estesa anche a questi cspiti. Sono state confermate le aliquote precedentemente in vigore. L’imposta viene determinata rivalutando la rendita catastale dell’immobile del 5% e moltiplicando il risultato così ottenuto per il coefficiente catastale di riferimento (da un minimo di 55 a un massimo di 160). Il versamento può essere effettuato in unica soluzione entro il 16 giugno oppure in due rate: acconto 16 giugno, saldo 16 dicembre.
-TASI (tassa servizi indivisibili) deve essere pagata dai proprietari di immobili esentati dall’IMU quindi dai titolari di abitazione principale.  Sono inoltre colpiti  gli immobili classificati come D5 e le abitazioni di lusso rientranti nelle categorie A/1-A/8-A/9. L’aliquota prevista è del 3 per mille  per quanto concerne le abitazioni principali. E’ stata prevista una serie di detrazioni in funzione della rendita catastale nonché una ulteriore detrazione di 30 euro per ogni  figlio convivente di età inferiore ai 30 anni. Modalità di calcolo del tributo analoga a quella prevista per l’IMU. Versamento da effettuarsi in unica rata entro il 16 giugno oppure in due tranche: acconto il 16 giugno, saldo il 16 dicembre.

Energia pulita
2012 Stage 2
CartaBCC Tasca