Notizie dal territorio
18/08/2014
COWORKING L’enciclopedia on line Wikipedia definisce il coworking come “uno stile lavorativo che coinvolge la condivisione di un ambiente di lavoro, spesso un ufficio, mantenendo un’attività indipendente. Coloro che fanno coworking non sono in genere impiegati nella stessa organizzazione”. In sostanza uno spazio comune con le risorse di un normale ufficio condiviso tra professionisti, freelancers, lavoratori diversi, start up, che non necessariamente perseguono lo stesso progetto. Conseguenza della crisi economica, della nascita di nuove figure professionali che necessitano di mettere in comune non solo idee progettuali ma anche risorse economiche, il coworking è ormai una realtà concreta che è diventata oggetto anche di iniziative di sostegno da parte delle istituzioni. Sull’onda di quanto già elaborato da altre strutture istituzionali quali Regione Lombardia, Unioncamere, anche la locale CCIAA, in collaborazione con il Comune e il Centro di Formazione Professionale hanno sviluppato un progetto per mettere a disposizione di un massimo di 8 nuove imprese composte principalmente da giovani o da donne, uno spazio comune di circa 80 mq, fornito di attrezzature e strumentazione necessarie per l' avvio e la gestione di impresa. La data di realizzazione del progetto è ormai imminente e dovrebbe collocarsi tra settembre e ottobre. Coloro che sono interessati possono presentare domanda al Centro di Formazione Professionale in Piazzale Forni 1 a Lodi
13/02/2018

Economia, i dati ufficiali certificano che si è interrotto il trend di crescita delle imprese chiuse. I segnali per il territorio della Provincia di Lodi, sebbene non ancora ottimali, infondono però un cauto ottimismo. I dati resi noti da InfoCamere e ricavati dall'Annuario statistico provinciale indicano infatti che nel corso del 2017 in provincia di Lodi sono state chiuse mille imprese. Di queste, 256 attività sono ricomprese nel settore commercio (dettaglio e ingrosso). Nel comparto edilizio sono state chiuse 213 aziende. Il settore ristorazione e alloggi ha perso 73 attività, nell'agricoltura si contano 49 chiusure.

I dati del 2017 - pur ancora numericamente rilevanti - evidenziano un lento miglioramento del quadro economico territoriale, in quanto nel 2016 le cessazioni erano state 1244, mentre nel 2015 ben 1280.

Energia pulita
2012 Stage 2
CartaBCC Tasca